Il mio intervento al convegno sui progetti per l’occupazione a Bisignano

Garanziagiovani12 GaranziaGiovani1Garanziagiovani15

Saluti a tutti e grazie a Carlo Guccione e al Presidente di Fincalabra Mannarino per essere venuti a Bisignano.

L’ultimo Rapporto ISTAT dice che la quota di giovani che non studiano e non lavorano (Neet) si attesta, nel 2011 al 31,4% nel Mezzogiorno rispetto al 15,2% del Nord e al 19,2% del Centro.
In questi anni di crisi economica, tra il 2012 e il 2013 il numero di occupati è rimasto stabile nel Centro Nord mentre è continuato a diminuire nel Meridione, dove il tasso di mancata partecipazione al lavoro ha toccato punte del 42%. (!!!) 

‘’…Dall’ultimo numero della Rivista ‘’Italiani Europei’’ dedicata al Sud Italia, si apprende che tra il 2008 e il 2013 l’industria meridionale ha ridotto di oltre un quarto il proprio prodotto (-27%), di poco meno gli addetti (-24,8%) e ha più che dimezzato gli investimenti (-53,4%). Una crisi i cui effetti sono stati meno profondi nel Centro-Nord, dove la diminuzione di prodotto e occupazione è stata del 16%. Da 43,6 addetti  nell’industria ogni 1.000 abitanti del 2008, si è scesi ai 37,4 addetti del 2013. (!!!)
Una tendenza alla desertificazione industriale e alla frammentazione del tessuto produttivo.

A questo si aggiunga che, secondo il Rapporto SVIMEZ 2014 (Associazione per lo Sviluppo dell’Industria nel Mezzogiorno),  sia per le entrate che per le spese, l’onere a carico del Mezzogiorno nel triennio 2013-2015 dei provvedimenti di finanza pubblica introdotti dal 2010 è superiore a quello imposto alle restati aree del Paese.

Insomma la situazione è particolarmente delicata. Sembra essere venuta meno la speranza per il futuro.  C’è un ritorno consistente all’emigrazione  dei nostro giovani verso altre parti dell’Italia e del mondo. 

Il Rapporto Svimez del 2013 questa volta, dice che nel decennio che va dal 2002 al 2011, circa 180 mila persone hanno lasciato una regione del Mezzogiorno per trasferirsi all’estero. Nell’arco dei dieci anni considerati, almeno cinque persone ogni 100 residenti emigrano per l’estero soprattutto dai sistemi locali calabresi (Dinami, Mandatoriccio, Cariati, Chiaravalle Centrale, Grifalco, BISIGNANO, Amantea, Soriano Calabro, Corigliano Calabro),

Facendo i calcoli emerge che dal 2002 al 2011, quindi, all’incirca 500 cittadini bisignanesi hanno lasciato la Città per trasferirsi in una località estera. E’ un dato drammatico, anche in considerazione del fatto che tale numero non tenga conto dell’esodo dei cittadini bisignanesi verso il Centro-Nord del Paese, pure cospicuo.

 MA

Dice un detto ZEN:

<<Quando la notte è così buia da non scorgere il proprio naso, siatene certi, l’alba è molto vicina>>.

Il progetto Garanzia Giovani e i Fondi Fuoc, che presentiamo oggi, stanno a dimostrare che la lunga notte della disoccupazione giovanile e della scarsa produttività sta lasciando spazio a un nuovo giorno pieno di opportunità di realizzazione e di benessere per i giovani e per tutte le nostre comunità.

Come abbiamo sentito, sono fondi che servono a far ripartire CRESCITA E OCCUPAZIONE, a reinserire nel circuito della formazione e del lavoro i giovani e non solo i giovani, a sostenere l’operosità dei soggetti svantaggiati.

Sono fondi che faranno bene alla Calabria, dove c’è tanta energia creativa che aspetta di essere opportunamente valorizzata.

E se riusciremo a valorizzare le nostre energie e le nostre risorse, tutti noi ne avvantaggeremo, come mai prima d’ora, perché in questi ultimi decenni tante cose sono cambiate, anche a nostro favore (!!!) di cui sarebbe bello parlare, ma avremo altre occasioni per farlo.

Giusto per citarne qualcuna: il Mediterraneo che è tornato a essere uno dei centri geo politici del mondo, l’avvento e l’affermazione delle energie rinnovabili, l’accresciuto livello di istruzione di massa, i cospicui fondi di coesione europea, ecc. 

E se è vero dunque che la POLITICA, come mi ha detto ieri mio padre, è SCIENZA DELL’AVVENIRE, mi pare che oggi abbiamo scritto una bella pagina di politica.

E che possiamo prepararci al nuovo giorno, perché LA NOTTE è FINITA

Grazie e auguri a tutti !

Condividi articolo

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *